Caricamento Eventi

La Resurrezione

Ottobre 29 @ 21:00 - 22:30

Gratuito

Concerto oratorio di Giuseppe Zelioli dagli “Inni Sacri” di Alessandro Manzoni

a cura di Harmonia Gentium
con il contributo della Fondazione della Provincia di Lecco e Famiglia Zelioli

Orchestra Pro Musica
M° Concertatore e Direttore: MASSIMILIANO CARRARO
Cori: Accademia Corale di Lecco – Direttore Antonio Scaioli
Suono Antico di Merate – Direttore Damiano Rota
Vocis Musicae Studium di Oggiono – Direttore G. Carlo Buccino
Corale Sant’Alessandro Parrocchia Belledo di Lecco – Direttore Ferruccio Mangol

Questo grandioso affresco musicale è stato composto per il 50° della scomparsa di Alessandro Manzoni. Appartiene a quel movimento culturale che nel primo Novecento tende in Italia a diffondere la musica sinfonica contro l’imperante tradizione operistica grazie a compositori come Sgambati, Martucci, Respighi e Casella, e, nel versante religioso, oltre che Perosi e Refice, anche il lecchese Giuseppe Zelioli. Organista e Maestro di Cappella della Basilica di San Nicolò per oltre 40 anni, schivo dei salotti mondani e dedito principalmente alla produzione musicale sacra, Zelioli parte da una estetica musicale fondata sulla migliore tradizione classica, per giungere alla contemporaneità in modo originale. L’Oratorio “La Risurrezione” (composto nel 1923 su testo dagli “Inni Sacri” di Alessandro Manzoni nel cinquantenario della scomparsa), può considerarsi già una prova non solo di maturità compositiva, ma anche di originalità espressiva. Anche qui sono presenti caratteri e stilemi tipici di una certa parte del primo Novecento italiano, riscontrabili in certe armonie di sapore pucciniano.
Emerge però un aspetto peculiare al solo Zelioli: un felice rapporto tra le parti vocali (solistiche – corali) ed il tessuto orchestrale inteso non come accompagnamento, bensì come concertante contrapposto in una dualità che produce un risultato estetico nuovo, dato dall’uso di stilemi diversi e ben fusi tra loro, conciliando le armonie tardoromantiche e moderne con una coralità classicheggiante. Va considerato che il testo di Manzoni non poteva prescindere da un utilizzo tecnico-vocale di sapore classico-romantico, in sintonia con l’estetica “manzoniana”, mentre nella parte orchestrale la fantasia del compositore si riteneva più libera di proporre situazioni armoniche più avanzate, proprie della scuola italiana sacra di quel periodo.
Tutto l’oratorio è pervaso da un misticismo contenuto, incapsulato da una volontà che vuole trasmettere la gioia dell’evento storico della Risurrezione senza una inutile enfasi.
Un oratorio, questo, concepito non come surrogato dell’opera lirica od imitativo di un genere oratoriale da concerto bensì visto da una ottica principalmente religiosa e al servizio, della cerimonia sacra.

I musicisti

Massimiliano Carraro

Direttore d’opera e direttore lirico-sinfonico in diverse produzioni in Italia e all’estero, ha lavorato con prestigiose orchestre, cori e solisti ottenendo lusinghieri successi. Ha diretto varie produzioni operistiche fra le quali “Farnace” di Vivaldi, “Demetrio e Polibio” di Rossini, e a Milano “Die Hochzeit” di Wagner disponibili in CD. Ha diretto inoltre: “Arianna a Nasso” di Porpora a Genova (CD), “Norma” di Bellini al Teatro dell’Opera Giocosa di Savona, al Teatro “Giuseppe Verdi” di Sassari (già usciti CD e DVD), “Ser Marcantonio” di Stefano Pavesi al Teatro Rossini di Lugo con l’Orchestra del Comunale di Bologna, “Semiramide riconosciuta”, “Polifemo” di Porpora, “Acis and Galatea” di G.F. Haendel al Festival Barocco di Bibbiena, e “Mitridate” di Porpora nei Teatri La Fenice e Malibran di Venezia. Negli ultimi anni è stato chiamato a dirigere diversi concerti lirico-sinfonici al Teatro Lirico di Cagliari e al Teatro Guaira di Curitiba (Paranà, Brasile), ottenendo sempre unanimi consensi di pubblico e di critica. Attualmente lavora anche in collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna e la Scuola dell’Opera Italiana. Ha diretto concerti lirico-sinfonici recentemente in Giappone.

Giuseppe Zelioli

A soli nove anni era già organista rispettato a Casirate d’Adda. Nel 1904 partecipò con molti colleghi al Concorso per l’assegnazione dell’incarico di organista della Basilica di Lecco e lo vinse per acclamazione. L’attività musicale di Zelioli fu vasta ed intensa; organista, pianista, insegnante, compositore di partiture polifoniche sacre e profane, pezzi per pianoforte. Eccelse come didatta, lasciando testi validissimi. Improvvisatore ispirato ed insuperabile all’organo, si impose continuando, con fedeltà, la tradizione organistica dell’800. Sin dagli esordi come compositore, partecipò attivamente al movimento per la Riforma liturgica. Zelioli intendeva la musica sacra come una delle forme più nobili di elevazione spirituale: il suo linguaggio musicale contemperava la manifestazione della fede religiosa con l’espressione dei sentimenti personali. La sua produzione come compositore è ricchissima e comprende 13 Messe, numerosi Mottetti e Canti Sacri, 7 Opere Sacre complete, brani per pianoforte, pezzi vocali e strumentali profani, in particolare trii e quartetti. Fra le opere sacre complete vanno ricordate “Il Buon Pastore”, “I Canti per la Passione di Cristo” (1921), il mottetto (1949) “Tenebrae factae sunt” a 4 voci, “La Resurrezione” cantata-oratorio (1923). La riproposta della sua musica, cominciata negli anni ’80, continua ad opera degli eredi e dell’Associazione Musicale Harmonia Gentium, oltre che di numerosi musicisti italiani e stranieri.

Harmonia Gentium

Nel 1986, a Lecco, un gruppo di appassionati intenditori di musica ha dato vita a un comitato, costituitosi nel 2000, con atto notarile, in Associazione apolitica e senza fini di lucro. L’obbiettivo è stato fin da subito diffondere la conoscenza del patrimonio musicale sacro e religioso con le Rassegne Internazionali “Capolavori di Musica religiosa” e “Concerti d’organo” e contribuire alla creazione e allo sviluppo di una qualificata cultura musicale, rendendo accessibile gratuitamente a tutta la popolazione, senza discriminazione di età, di cultura o di censo, la conoscenza delle opere dei grandi compositori. Una particolare attenzione è rivolta ai giovani con il Festival Europeo Cori Giovanili “Giuseppe Zelioli”, con la convinzione che, coinvolgendo i giovani con il linguaggio universale della musica, si da vita ad un messaggio di pace e fratellanza internazionale e si promuove unità di intenti per un futuro migliore.

EVENTI CORRELATI

Visita guidata alle antiche mura di lecco

Biblioteca Civica “U. Pozzoli”, Via Giuseppe Bovara, 58 Lecco,

La monaca di Monza

Convento dei Cappuccini di Pescarenico, Piazza Padre Frà Cristoforo Lecco,

Inaugurazione del nuovo museo manzoniano

Villa Manzoni, Museo Manzoniano - Via Don Guanella, 1 Lecco,

Dettagli

Data:
Ottobre 29
Ora:
21:00 - 22:30
Prezzo:
Gratuito
Categoria Evento:

Luogo

Basilica San Nicolò
Via San Nicolò 1
Lecco,
+ Google Maps